5.7 C
Portogruaro
martedì , 29 Novembre 2022

Portogruaro, omicidio Boraso: sentiti i consulenti di accusa e difesa

13.01.2022 – 11.22 – Si accende la discussione sul caso Boraso: la cinquantanovenne era stata trovata priva di vita nel bagno del proprio appartamento di Portogruaro. La sua casa, un alloggio Ater, era stata data alle fiamme. La donna riportava una ferita alla testa che, come confermato anche dal Tgr del Veneto, potrebbe essere stata la causa del decesso. Successive investigazioni hanno fatto emergere come quella notte d’estate tra il 21 e il 22 luglio 2020 la donna fosse stata presa a martellate.
 Si è tenuta ieri l’udienza in Corte d’Assise per l’omicidio: accusati Wail Boulaied, 23 anni, e Mohammed Rabih, di 22. Duro il confronto tra gli ex investigatori dei Ris di Parma, rispettivamente consulenti di accusa e difesa: l’ex comandante del reparto dei carabinieri Luciano Garofano, consulente tecnico dell’accusa, sostiene le dichiarazioni del 23enne siano più attendibili rispetto a quelle di Rabih. In casa di Boulaied erano state trovate tracce riconducibili all’incendio presso l’abitazione della donna. L’uomo era stato anche segnalato dal vicinato alle autorità, per furti commessi all’interno del plesso condominiale. Boulaied aveva spiegato come Rabih fosse complice del reato: è stato il consulente della difesa, biologo forense e già ufficiale dei Ris Linarello a escludere la possibilità che il 22enne fosse presente nella stanza del rinvenimento del cadavere al momento del delitto.

b.b

Ultime notizie

Dello stesso autore