-0.4 C
Portogruaro
giovedì , 9 Febbraio 2023

Veneto, rinnovato il progetto Te.S.eO. per i giovani talenti dello spettacolo

29.12.2022 – 11.30 – Nuovo rinnovo per il triennio 2023/2025 del programma con l’Associazione Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, Te.S.eO. (Teatro Scuola e Occupazione), il piano di formazione per giovani talenti interessati alle professioni artistiche e tecniche nel campo dello spettacolo dal vivo.
“Il progetto Te.S.eO, nato a luglio 2018, ha già dimostrato nella scorsa edizione di essere un modello di eccellenza. Accogliamo con piacere questo nuovo accordo di programma che rinnova un’iniziativa che abbiamo già visto essere vincente – conclude Zaia -.  Investire, come fa il Veneto, nella cultura e dello spettacolo dal vivo, coinvolgendo le nuove generazioni, è la strada giusta. Si tratta di un ambito importante non solo per la crescita della nostra società, ma anche per l’economia e per il mercato del lavoro” sono queste le parole del Presidente della regione Veneto, Luca Zaia, che commenta l’approvazione da parte della Giunta Regionale del rinnovo del progetto.

Sono quattro le attività che rientrano nell’accordo: il consolidamento di una Rete Territoriale Regionale della Formazione Propedeutica Teatrale per i ragazzi delle scuole di secondo grado e della formazione professionale; il consolidamento del modello di Compagnia Giovani; il consolidamento dell’offerta formativa dell’Accademia teatrale ‘Carlo Goldoni’;  la sperimentazione di un’offerta formativa di specializzazione per le professioni artistiche e tecniche che operano nel campo dello spettacolo dal vivo. Il valore complessivo dell’operazione ammonta ad oltre 2 milioni di euro: 1.401.938,20 a valere sul Piano Regionale Veneto FSE+ 2021-2027 e 754.889,80 a carico del Teatro Stabile del Veneto, per un totale di 2.156.828 euro.

A capo dei compiti operativi troviamo il Teatro Stabile del Veneto, mentre sarà la Regione ad avere un ruolo di coordinamento complessivo del progetto, programmazione, indirizzo, supervisione e vigilanza delle attività realizzate, oltre all’onere di istituire un Comitato tecnico scientifico di accompagnamento.
“È un teatro che esce dal palcoscenico, andando ad incontrare le nuove generazioni. Per formare quelli che saranno gli artisti di domani- aggiunge Zaia-. Il Veneto, con il suo Teatro Stabile, dimostra di guardare avanti, puntando sulla crescita culturale e sulla creazione di nuovi strumenti per generare occupazione”.

[m.g]

Ultime notizie

Dello stesso autore