28.8 C
Portogruaro
sabato , 13 Aprile 2024

Allarme nutrie: il bando della regione Veneto per rimborsare comuni ed enti

13.03.2023 – 11.30 – L’anno scorso è stato attivato dalla Giunta Regionale del Veneto il ‘bando nutrie’, creato al fine di coprire i costi sostenuti dai diversi enti e amministrazioni locali nell’attività di eradicazione delle nutrie, come parte del Piano regionale di controllo della nutria.
Così commenta i dati finali relativi alla partecipazione al bando l’assessore regionale al Territorio e alla Caccia, Cristiano Corazzari:
“Si chiude con un ottimo risultato il bando per l’assegnazione di contributi finalizzi ad attuare il Piano regionale di controllo della nutria. L’intero budget messo a disposizione, 238 mila euro, è stato assegnato a favore dei Comuni, dei Consorzi di Bonifica/Autorità di bacino, degli Enti gestori dei Parchi e delle Riserve e degli Enti gestori dei siti di Rete Natura 2000 regionali. Le domande istruite in totale sono state 58″.

L’importo medio per singolo beneficiario è di 4.100 euro e sono in molti ad aver presentato la richiesta di contributo: 51 Comuni in totale hanno presentato la domanda, così come 6 Consorzi di Bonifica/ Autorità di bacino e un Ente gestore dei Parchi.
Volendo invece ripartire per provincia le partecipazioni al bando, abbiamo in testa Verona con 26 istanze, seguita da Venezia con 11, Rovigo con 9, Padova con 8, Vicenza e Treviso con 2 ciascuna.
Le domande sono state presentate per la maggior parte per rimborsare le spese degli operatori, per incarichi da affidare a ditte di Pest control, e per l’acquisto di gabbie per il trappolaggio.

“Siamo soddisfatti di essere riusciti a rispondere alle richieste degli enti destinando il totale dei contributi stanziati – aggiunge Corazzari – Le nutrie sono un danno per l’uomo e per l’ambiente e ne siamo consapevoli, le loro tane danneggiano gli argini di fiumi e canali provocando cedimenti pericolosi. Per non contare i problemi che causano alle coltivazioni. Per questo la Regione del Veneto continuerà a vigilare e a sostenere le amministrazioni locali che si trovano a fronteggiare tali situazioni. Visto il buon esito è sicuramente un’esperienza da riproporre”.

[m.g]

Ultime notizie

Dello stesso autore