11 C
Portogruaro
mercoledì , 28 Febbraio 2024

Scompare Silvano Vernizzi, amministratore delegato di Veneto Strade

13.03.2023 – 11.00 – E’ morto nella notte l’ingegnere originario di Rovigo, Silvano Vernizzi, per anni amministratore delegato e direttore generale di Veneto Strade Spa, società regionale che ha in gestione quasi 1.000 km di strade regionali e circa 1.000 provinciali.
Dopo la laurea in ingegneria civile e le prime esperienze lavorative, inizia presto a dare il suo contributo alla Regione del Veneto. E’ direttore del centro operativo veneto navigazione interna interregionale e nel 1991 diviene Coordinatore del dipartimento per la viabilità e trasporti per due anni. E’ stato inoltre nominato presidente della Commissione Regionale di Valutazione di Impatto Ambientale dal 2005 e Presidente della Commissione Regionale di Valutazione Ambientale Strategica dall’anno successivo.

IL RICORDO DI ZAIA:
Esprime così il suo cordoglio per la scomparsa dell’ingegnere, il Presidente del Veneto, Luca Zaia: “Se ne va Silvano Vernizzi, che chiamavo ‘mister viabilità’: l’uomo delle strade, il professionista che con passione era su ogni cantiere. Se ne va lasciando in Veneto un grandissimo vuoto. Con Vernizzi ho condiviso gran parte del mio percorso amministrativo. L’ho conosciuto dapprima quando ero amministratore della Provincia di Treviso e poi, operativamente, da vicino, da quando sono stato vicepresidente della Regione. L’ho rincontrato, infine, nel 2010 e da lì il nostro percorso è continuato; non si è mai fermato. Nonostante gli acciacchi che lo tormentavano dal punto di vista della salute ha sempre voluto dar corso alla sua volontà e disponibilità di continuare a lavorare. Penso davvero che il lavoro, portato avanti con grande competenza e passione, lui fosse tutto. Se ne va un grande riferimento per il nostro territorio: un professionista che trasudava di una passione unica nel lavoro e che ci mancherà molto. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici, ai colleghi”.
“Porto con me il ricordo di una persona perbene, – ha concluso il Presidente Zaia – di un lavoratore instancabile, di un professionista che sapeva cosa significasse fare squadra con la S maiuscola, per raggiungere l’obiettivo. Vernizzi viaggiava come un treno carico di una visione lungimirante, tipica di un Veneto connesso col mondo e quindi portatore di un disegno personale rispetto al progetto della viabilità assolutamente di altissimo livello. Buon viaggio!”

IL RICORDO DI ELISA DE BERTI:
Al cordoglio partecipa anche il Vicepresidente della Regione Veneto, Elisa De Berti, che con queste parole ricorda Vernizzi: “Con Silvano Vernizzi scompaiono trent’anni di storia e memoria di opere pubbliche del Veneto. È stato più di un ingegnere e di un valente progettista. È stato uno degli uomini che ha contribuito a ridisegnare la rete dei trasporti e della logistica nel Nord-Est al servizio delle imprese e dei cittadini”.
“L’ing.Vernizzi ha partecipato da protagonista alle grandi e lungimiranti scelte infrastrutturali che la Regione ha effettuato nei decenni. Dalla costruzione e completamento del Passante, alla creazione della concessionaria Cav e di Veneto Strade, alla progettazione della Pedemontana, alle grandi e piccole, ma tutte essenziali, opere viarie realizzate nel nostro territorio, curandone con tempestività e sapienza anche la manutenzione, evitando i problemi di vetustà che stanno affliggendo il Paese. Vorrei esprimere il mio sentito cordoglio, ma rivolgergli anche un sentito ringraziamento per l’eredità che ci ha lasciato.
“Voglio ricordarlo – conclude la Vicepresidente De Berti – anche per la sua tempra e per il grande attaccamento alla vita e al lavoro. Fino all’ultimo giorno ha risposto alle email dal letto dell’ospedale. Con Vernizzi non è mai mancato il confronto, a tratti anche acceso, ma sempre schietto e costruttivo. Buon viaggio, Silvano”.

LA NOTA DEL SINDACO DI VENEZIA, LUIGI BRUGNANO:
“Silvano Vernizzi è stato un punto di riferimento per tutte le Amministrazioni, per centinaia di sindaci, ma anche un interlocutore affidabile per tanti cittadini. Un uomo del fare, un professionista competente, a servizio del bene comune.
Con Silvano mi sono spesso confrontato e ne ho potuto apprezzare le capacità decisionali e la tenacia con cui ha sempre portato avanti gli obiettivi assegnati. In particolare, voglio ricordarne l’attività come commissario per il Passante di Mestre, dove è riuscito, dopo decenni di discussioni, a far terminare l’opera in soli 4 anni di lavori. Un’arteria che ha portato nuovo sviluppo nel nostro territorio, migliorando sensibilmente la viabilità sia per i residenti che per le attività economiche.
Il suo impegno continuava ora nella gestione di Veneto Strade, società per la gestione, assieme alle Province e alla Città Metropolitana, delle strade regionali del Veneto.
Alla moglie Gabriella, alla figlia Sara, ai familiari e ai tanti amici e collaboratori arrivi il più sentito cordoglio della Città metropolitana di Venezia e mio personale“.

[m.g]

Ultime notizie

Dello stesso autore