23.5 C
Portogruaro
giovedì , 18 Agosto 2022

Veneto: approvata legge parità uomo donna

C’è grande soddisfazione in Regione per l’approvazione per l’approvazione all’unanimità da parte del consiglio regionale della proposta di legge “Disposizioni per la promozione della parità retributiva tra donne e uomini e il sostegno all’occupazione femminile stabile e di qualità”.
“Ho visto con favore questo provvedimento di legge perché, di fatto, ricomprende dal punto di vista normativo e, quindi, con una visione di armonizzazione, le tante iniziative che in questi anni, come sottolineato anche in aula, sono state promosse dalla Regione”. Commenta così Elena Donazzan, Assessore regionale all’istruzione, formazione e lavoro con delega alle pari opportunità. “Nella nostra regione – continua l’Assessore regionale al lavoro – c’è ancora una disparità tra disoccupazione femminile pari al 7,5%, oltre due punti percentuali in più rispetto a quella maschile, così come è ancora basso il livello di occupazione delle donne se paragonato a quello degli uomini”.
“Le nostre iniziative, in particolare con la prossima, imminente programmazione comunitaria hanno dato il segno della sensibilità della giunta regionale del Veneto – sottolinea Elena Donazzan –. Abbiamo definito un aumento significativo delle risorse da destinare all’effettiva parità di genere, che saranno 40 milioni di euro, triplicando in senso assoluto quelle destinate nella precedente programmazione. Ma il grande, vero, drammatico problema è quello della maternità e della denatalità. C’è bisogno di una legge specifica in Italia, paese fanalino di coda, che non ha mai definito politiche per la famiglia, intese nell’aiuto alla maternità e alla vita, che vede naturalmente la donna al centro di queste dinamiche e scelte. Credo che questa sia la vera, grande emergenza alla quale non possiamo più sottrarci”.

“Dal Veneto è partito un segnale dì civiltà e di attenzione per evitare anche la più minima forma di discriminazione. La parità tra uomo e donna non deve essere materia di discussione ma di atti concreti, e questo lo è”. Con queste parole esprime la sua soddisfazione anche il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia che aggiunge: “Anche recentemente – dice Zaia – sono salite alla ribalta della vita sociale, culturale, economica e sanitaria del Veneto molte grandi donne. Mi auguro davvero che, anche grazie a questo intervento legislativo, questo fenomeno virtuoso possa ampliarsi, senza dimenticare le occasioni che vanno create, per essere colte, nella vita normale, di una persona normale”. “Ritengo – conclude Zaia – che il registro per le imprese virtuose, che aiutano e sostengono il lavoro delle donne e la loro carriere, alle quali vengono riservati dei contributi, sia uno strumento utile e significativo, anche per sostenere la crescita del pianeta donna nelle imprese”

[g.m]

Ultime notizie

Dello stesso autore