22.5 C
Portogruaro
lunedì , 8 Agosto 2022

Spazio… relazione: la casa del rapporto solido, il secondo piano

19.04.2022 – 12.00 – Dopo aver letto l’articolo della scorsa settimana avete dato un’occhiata alla casa della vostra relazione? Vi sembra che ci siano presenti molti dei livelli che ho descritto? O manca qualche mattone, qualche aspetto che può trasformare una catapecchia in un castello solido e resistente alle intemperie e al tempo che passa? Dopo aver suggerito un esercizio per costruire le mappe dell’amore ora andrò a spiegare come incrementare il secondo livello della casa della relazione solida che vedete qui sotto rappresentata: ossia condividere affettuosità e ammirazione.
Risulta fondamentale essere in grado di esprimere affetto, calore e vicinanza per permettere al partner di sentirsi accolto, di sentire di poter contare sulla presenza dell’altro. Chi ci sta accanto ha una migliore qualità della vita e della relazione se percepisce ammirazione, stima, approvazione e considerazione che viene tramessa attraverso gesti e parole, con espressioni e sguardi che creano profondo benessere in chi li riceve. Questo aspetto è anche in grado di disinnescare uno dei cavalieri più terribili, il disprezzo, che è il più forte predittore della disintegrazione della coppia nel futuro, è l’atteggiamento che mina alla radice la casa che state costruendo con impegno e fatica.

È importante che ci sia un profondo rispetto tra i due componenti della coppia, rispetto che permette di abbracciare i diversi valori, i pensieri, le idee, le differenze dell’altro, la sua alterità. Per migliorare questo aspetto, come primo passo, per una settimana fate attenzione alla tendenza alla critica, a quando sottolineate le mancanze dell’altro con commenti sgradevoli. Concentratevi invece su ciò che è positivo, sui contributi che ognuno fornisce, cercate tutto ciò che l’altro regala, e ringraziate per questo, siate grati per ogni cosa che succede, per ogni vostro respiro, per ogni sguardo di meraviglia che potete notare negli altri, per ogni scorcio di sole che abbraccia i vostri occhi. Il secondo passo è quello, per un’altra settimana, di ringraziare con il cuore colmo di gioia il vostro partner almeno una volta al giorno, e notate gli effetti di questo esercizio su di voi e su di lui o su di lei, se potete allungate ancora un per un giorno, poi un altro ancora, poi estendete questa bella abitudine anche verso i vostri figli, i vostri genitori, i colleghi di lavoro. Abituatevi a cercare le caratteristiche, gli aspetti e i gesti positivi negli altri e sottolineateli, evidenziateli, fate capire perché sono speciali e cosa vi regalano.

credits, gottman.com

Chi riceve questi apprezzamenti inizia a perdonare sé stesso, a smettere di condannarsi per le proprie mancanze e per i propri errori, a vedersi con occhi diversi grazie alle vostre parole. Diamo il permesso agli altri, ammettendo i nostri limiti, di poter sbagliare, di non essere perfetti, diffondiamo l’accettazione, la gratitudine, l’ammirazione per chi ci circonda, in questo modo l’atmosfera familiare diventa gioiosa, distesa e rispettosa, feconda di affetto e considerazione. Questo consolida la coppia e colora di sentimenti e di sfumature piacevoli ogni piccolo gesto, avvicinando i partner aumentando l’intimità e la comunione. Che pensate di questi esercizi da portare nella vita di ogni giorno? Pensate di provare ad introdurli nella vostra routine? Anche il gesto più piccolo con intento positivo aiuta a cambiare la visione e la giornata di che ha la fortuna di riceverlo.

Scrivi pure le tue domande, le tue riflessioni, i tuoi pensieri, le tue esperienze di relazione che saranno trattate in forma anonima via mail a folla.marco@gmail.com o via WhatsApp al 3921805011 e ti risponderò con gioia, la tua vita può essere spunto di crescita e riflessione anche per altri lettori.

[del Dott. Marco Folla, psicologo. Si occupa di relazioni, problemi di ansia, attacchi di panico, problemi alimentari, mindful eating, training autogeno. folla.marco@gmail.com; whatsapp 3921805011]

Ultime notizie

Dello stesso autore