14.7 C
Portogruaro
giovedì , 18 Aprile 2024

Tessara, in arrivo i bandi per il nuovo Bosco dello sport

02/01/2023 – 12.30 – E’ cominciato il conto alla rovescia per la pubblicazione dei cinque bandi di gara per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori per il Bosco dello Sport a Tessara, predisposta per la fine di febbraio 2023. I progetti sono quasi tutti pronti e le tavole dell’intervento sono state presentate ai tecnici comunali con la Giunta al completo.
“Tra il 30 dicembre e il 28 febbraio – ha comunicato l’ingegnere Agrondi – pubblicheremo i cinque bandi di gara per progetto e affidamento lavori. L’aggiudicazione dovrà avvenire entro il 30 luglio prossimo, i lavori cominceranno entro la fine dell’anno. Entro il 30 settembre 2024 dovrà essere stato realizzato almeno il 30 per cento delle opere e il 30 giugno 2026 dovrà essere trasmesso il certificato di collaudo delle opere”.
Il Bosco dello Sport, pensato come un luogo multifunzionale aperto 7 giorni su 7, ispirato dalla forte ed inscindibile relazione tra sport, vita e salute, sarà in grado di garantire la sostenibilità economico-finanziaria. Il disegno architettonico, nella sua declinazione plani-volumetrica, rimanda ad un filamento di DNA o ad un sistema cellulare complesso. L’idea di fondo è che, esattamente come in un organismo biologico, il massimo ritorno e la massima efficacia funzionale siano favorite dalla sinergia tra le varie parti piuttosto che dalle singole ed indipendenti funzioni ed esperienze; lo schema pertanto promuove la fluida relazione tra gli elementi e favorisce la continuità tra attività sportive professionali, sport destrutturato, attività di intrattenimento, socializzazione ed attività educative.  Il tutto raccordato da qualificati spazi aperti densamente alberati.

Gli interventi previsti sono cinque: nuova viabilità che collegherà il complesso all’abitato di Tessera e all’aeroporto, il cui costo sarà interamente a carico del Comune; opere di urbanizzazione interna; opere a verde; paesaggio; arena coperta; stadio. In totale, dal PNRR arriveranno 93 milioni e mezzo, altri 210 saranno coperti dal Comune, parte con l’avanzo libero e parte con debito, per un totale d’investimento che sfiorerà i 304 milioni di euro.
“Oltre ad arena e stadio – ha proseguito il tecnico – è prevista un’area educational molto grande con piscina olimpionica e tante altre cose. Le strade per l’accesso saranno a quattro corsie e circondate da verde alberato. Questa viabilità consentirà sia di smaltire il traffico per il Bosco dello sport, che il traffico eventuale per aeroporto e Tessera nel caso di ingorghi”.
Dal piano degli interventi sono state inoltre tolte tutte le componenti commerciali e direzionali, mentre sono state incrementate le funzioni educative, culturali e mediche. Particolare attenzione verrà per di più riservato all’aspetto ambientale: la struttura sarà ecologica ed sostenibile, con la creazione di una superficie verde di quasi 79 ettari. Il progetto dovrà essere completato entro il 2026, puntando al traguardo delle Olimpiadi invernali Milano Cortina.
“È un momento storico per la città – ha concluso il sindaco Luigi Brugnaro – quest’opera sarà motore di rigenerazione urbana e di rilancio di Venezia e del Veneto”.

[m.g]

Ultime notizie

Dello stesso autore