21.5 C
Portogruaro
martedì , 28 Maggio 2024

Hỳbris, debris, Pastis. Al Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro

31.02.2023 – 12.39 –È stata inaugurata al Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro la mostra Hỳbris, debris, Pastis dell’artista goriziano Thomas Braida alla presenza del direttore del Museo Federica Bonfanti e delle curatrici Eva Comuzzi e Orietta Masin.

Thomas Braida, artista dalla pittura colta e stravagante nato a Gorizia, nel 2022 ha compiuto 40 anni, da cui il desiderio delle curatrici di dedicare a lui una personale al Museo Nazionale Concordiese di Portogruaro.
La personale di Braida, che rimarrà aperta fino al 13 maggio, è promossa dal Circolo ARCI di Cervignano con il patrocinio del Ministero della Cultura – Direzione regionale Musei Veneto e in collaborazione con Museo Nazionale Concordiese e Associazione L&A – Linguaggi&Arte.
In mostra una ventina di sculture disseminate tra i reperti archeologici all’interno delle vetrinette del piano superiore e tra i resti del piano terra del museo dove una grande tela sospesa nella navata centrale accoglierà i visitatori in questa originale esposizione.

Hỳbris, debris, Pastisquesto è il titolo che Thomas ha voluto per l’esposizione, è un piccolo compendio della sua ricerca, iniziata negli anni duemila, tra pittura e scultura. Braida è un artista dalla vivida immaginazione, dissacrante e impertinente, che fa coesistere Ensor, Grosz, Goya, il barocco, la Bibbia, la mitologia greca, ma anche Lady Gaga e Capitan Harlock. Ad un primo sguardo ‘sporchi’, ironici, grotteschi, i suoi lavori celano in realtà una delicatezza ed una purezza di visione che l’artista ha saputo proteggere e conservare sino ad oggi dal mondo dell’infanzia.
La mostra indaga l’influenza sui lavori di Braida delle specifiche connotazioni territoriali legate alle sue origini e quale l’importanza del percorso di formazione all’Accademia di Belle Arti di Venezia (città dove vive e lavora da molti anni) che lo hanno portato oggi ad esporre nelle migliori gallerie italiane.

Questo evento si inserisce nell’ambito della Rassegna di arte contemporanea 2022 – Pasolini chi? IL CORPO COME STRUMENTO DI LOTTA NELL’EPOCA DELLA CANCEL CULTURE la cui prerogativa è la ricerca e promozione delle diverse potenzialità, interpretazioni e approcci stilistici dei giovani artisti. L’attenzione delle curatrici, però, non si è mai scostata anche dalla loro formazione culturale e artistica nel tempo e quindi dagli aspetti qualitativi della loro produzione durante la crescita.

Il progetto espositivo di Thomas Braida comprende i primi contributi a Go!2025 Nova Gorica e Gorizia Capitale europea della cultura 2025 che proseguiranno e concluderanno la rassegna, tra maggio e giugno, nell’ultima sezione dedicata al teatro di narrazione con Giorgio Monte e all’approfondimento storico con la ristampa aggiornata del libro Storia di Gorizia di Lucio Fabi edito da QuduLibri.

[g.m]

Ultime notizie

Dello stesso autore