21.9 C
Portogruaro
lunedì , 24 Giugno 2024

Il 2024 inizia con un successo veneto nella ricerca contro il cancro

07.01.2024 – 10.10 – L’inizio del 2024 è sicuramente uno degno di nota per il settore della scienza medica della Regione del Veneto. Infatti, tra le prime notizie che aprono questo nuovo anno rientra quella dei ricercatori dell’Università di Verona, impegnati sul fronte degli studi riguardanti il tumore al pancreas. I ricercatori hanno informato dell’identificazione di un nuovo bersaglio terapeutico, l’autotaxina, quale possibile causa della resistenza delle cellule tumorali ai trattamenti chemioterapici. Dunque, un’apertura del 2024 che, oltre a destare nei cuori orgoglio e ammirazione per il lavoro e il successo dei ricercatori dell’Università di Verona, carica di nuova speranza in una lotta purtroppo ancora estremamente dura e difficile da vincere, come è quella del tumore al pancreas.

A proposito di questo successo veneto, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, si è complimentato con i ricercatori dell’Università di Verona esprimendo la sua riconoscenza per il loro essenziale lavoro e per l’incessante impegno nella lotta contro questa malattia: “Mi complimento in particolare con l’Ateneo veronese e con il gruppo di ricerca diretto da Davide Melisi, docente di oncologia medica dell’Università di Verona e responsabile dell’unità di Terapie sperimentali dell’azienda ospedaliera universitaria. La pubblicazione su Cancer Research testimonia l’elevata qualità scientifica e l’innovatività della scoperta“. Il Presidente ha concluso, poi, sostenendo come quello ottenuto dal gruppo di ricercatori veronesi sia “l’ennesimo risultato che arriva grazie all’impegno di tutto il mondo della ricerca veneta, verso il quale siamo grati e orgogliosi”.
[o.m]

Ultime notizie

Dello stesso autore