31.6 C
Portogruaro
lunedì , 22 Luglio 2024

Caorle: il 2024 è l’anno della Street Art

29.02.2024 – 09.25 – Il Caorle Sea Festival – Biennale di Street Art apre ufficialmente l’anno della Street Art per la Città di Caorle. Infatti, questo 2024 sarà, per l’antico borgo dell’amatissima città balneare, un anno all’insegna dell’arte di strada, con eventi e manifestazioni tutti incentrati su questo affascinante tema. Come accennato, il primo grande evento sarà il Caorle Sea Festival, che animerà la città dal 26 aprile al 10 maggio. Forte e carico di energia dopo l’enorme successo riscontrato con la prima edizione, il Festival ritornerà a Caorle per decorare la città con nuovi murales, questa volta ispirati al tema “Pesca, Mare, Tradizioni”, unendo una forma d’arte contemporanea con l’anima storica di Caorle. A prendervi parte ci saranno una ventina di artisti di fama internazionale, pronti a rendere gli edifici della città dei veri capolavori. L’evento sarà curato dal gallerista Carlo Silvestrin della CD Studio d’Arte di Padova e avrà come obiettivo quello di coniugare l’arte con la riqualificazione urbana e la preservazione ambientale attraverso l’uso, come vernice per il fondo, di un materiale capace di neutralizzare gli agenti inquinanti.

Mentre l’ultimo giorno del Caorle Sea Festival è ancora in corso, il 10 maggio si farà strada un secondo evento dedicato alla street art: la mostra “Basquiat / Haring / Banksy: The international and mysterious world of Street Art”, curata da Matteo Vanzan e prodotta dall’agenzia MV Arte di Vicenza. La mostra sarà visitabile presso le sale espositive del Centro Culturale “A. Bafile” in Rio Terrà a Caorle fino al 1 settembre. Al centro dell’esposizioni ci saranno le opere di Jean-Michel Basquiat, Keith Haring e Banksy, ma la mostra offrirà anche l’occasione per approfondire i principali protagonisti della Street Art internazionale: Invader, Obey, Taki 183, Mike Giant, John Fekner, Martin Whatson, Sandra Chevrier, Vhils, Mason Storm, Icy and sot, Hama Woods, Sten e Lex, Logan Hicks, Swoon e molti altri.
L’esposizione, alla quale si accederà tramite biglietto d’ingresso del valore di 10 euro, con riduzioni o gratuità per alcune fasce d’età, vedrà la presentazione di opere d’arte che saranno concesse in via esclusiva da collezionisti privati italiani. La mostra, infine, sarà aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 18.00 alle 22.00.

L’arte, però, non è solo visiva. Infatti, per celebrare l’arte di strada il Comune di Caorle ha promosso anche due eventi al centro dei quali si trova la musica. Si tratta di due appuntamenti estivi, il “Caorle in Jazz”, dal 20 luglio al 4 agosto, e il “Caorle Street Piano Festival”, dal 23 al 27 agosto, che vedranno gli artisti “scendere in strada” ed esibirsi tra le vie della città, nelle piazze e nei campielli. Il primo di questi eventi vedrà coinvolte diverse formazioni jazzistiche con una serie di concerti gratuiti, mentre il secondo, organizzato dal Comune di Caorle e dalla Scuola di Musica Paul Jeffrey, darà a tutti la possibilità di suonare i numerosi pianoforti che saranno posizionati in diversi punti del territorio comunale. Oltre a ciò, sempre nell’ambito del “Caorle Street Piano Festival”, ci saranno anche concerti di pianisti di grande fama nei posti più belli e suggestivi di Caorle come Piazza Vescovado, l’area ai piedi del campanile o presso il Santuario della Madonna dell’Angelo sul mare.

A questi incredibili appuntamenti con l’arte si aggiungerà quello con “La Luna nel Pozzo”, il Festival Internazionale del Teatro di Strada, che Caorle ospita ormai da quasi trent’anni e che tornerà in questo 2024 per la 29esima edizione. Con spettacoli dal 29 agosto al 1 settembre, “La Luna nel Pozzo” regalerà a residenti e turisti sia momenti di divertimento che attimi mozzafiato con acrobazie, clownerie, teatro di figura, manipolazione del fuoco, giocoleria e tanto altro.
Inoltre, come ultima tappa tra le meraviglie della Street Art non potrà mancare quella in Piazza Vescovado dove, fino a novembre, sarà esposta l’opera dello scultore Lorenzo Quinn dal titolo “An image is worth then thousand words”. Si tratta della realizzazione di una grande mano che impugna un pennello che sembra disegnare il campanile del Duomo di Caorle.

A proposito di questi eventi dedicati alla street art, il Vicesindaco ed Assessore alla Cultura del Comune di Caorle, Luca Antelmo ha commentato: “Il 2024 è l’anno dell’arte di strada per Caorle. L’Amministrazione Comunale di Caorle sta puntando con forza sulla valorizzazione artistica della nostra Città, meta turistica che cerca di distinguersi dalle altre località balneari proprio per la sua proposta culturale di assoluto pregio. Non sono, però, solamente i turisti a chiedere cultura, ma anche i nostri residenti, che godono nel vedere una Caorle sempre più bella e sempre più punto di riferimento dal punto di vista artistico”.
[o.m]

Ultime notizie

Dello stesso autore