31.3 C
Portogruaro
lunedì , 15 Luglio 2024

Riforma 4+2 per la formazione sulla cantieristica navale. Donazzan ‘Grande occasione per i giovani’

02.02.2024 – 13:00 – “La riforma del 4 +2 parte benissimo qui a Venezia, con l’ I.I.S.Vendramin Corner’ che ha attivato il rapporto di filiera verticale con l’ITS Marco Polo Academy e il settore della nautica con le migliori aziende. Il Veneto è una terra caratterizzata dalla forte collaborazione tra mondo della scuola e mondo del lavoro. La nuova filiera formativa tecnologico professionale per il settore della cantieristica navale ne è un esempio. Il percorso formativo strutturato a servizio della filiera produttiva, che parte come sperimentazione della riforma 4 +2, è un modello positivo di verticalizzazione, in cui i giovani sono formati con le competenze che davvero servono alle imprese grazie alla coprogettazione del programma che coinvolge il tessuto produttivo. È un modello vincente, che vede nella filiera la collaborazione tra il Polo Tecnico professionale di Venezia I.I.S. ‘Vendramin Corner’ , l’ITS Marco Polo Academy, e il fior fiore delle aziende della nautica, della cantieristica e del diporto, settore strategico per Venezia”.

Così ieri l’assessore all’Istruzione, Formazione, Lavoro della Regione del Veneto Elena Donazzan intervenuta nella sede dell’ITS Marco Polo Academy a Venezia durante la presentazione del nuovo percorso quadriennale di istruzione professionale in “conduzione mezzi in acque interne, manutenzione e cantieristica navale” dell’area di indirizzo Industria ed Artigianato per il Made In Italy autorizzato all’I.I.S. ‘Vendramin Corner’. È stata presentata nell’occasione anche la nuova filiera tecnologico-professionale connessa al nuovo indirizzo. Presenti, oltre al dirigente del Polo Tecnico professionale di Venezia I.I.S. ‘Vendramin Corner’ Michelangelo Lamonica e al presidente dell’ITS Academy Marco Polo Damaso Zanardo, i partner della nuova filiera: Società di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati Venezia, l’ACTV Spa, Fincantieri Spa, Veneziana di Navigazione e Rimorchio Srl, VdV S.r.I., Fagioli Spa, la Lega Navale Italiana, la associazione di categoria, Confartigianato Imprese, Consorzio Venezia port community (VPC) (composto da CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti, Confindustria e operatori del cluster portuale dell’area Venezia-Rovigo).

“Come ha spiegato il dirigente del Polo Tecnico professionale di Venezia I.I.S. ‘Vendramin Corner’ Michelangelo Lamonica, il nuovo indirizzo è stato costruito re ingegnerizzando i 5 anni in 4, per dare la possibilità ai giovani di diplomarsi dopo il quarto anno e scegliere, a questo punto, se continuare a specializzarsi all’ITS o se entrare nel mondo del lavoro. Già dal terzo e quarto anno partono contratti di apprendistato, un percorso che offre grandi opportunità ai giovani con interessanti sbocchi lavorativi e prospettive anche dal punto di vista economico”, ha aggiunto l’assessore, che nella prima parte della mattinata è intervenuta all’Istituto Salesiano San Marco a Mestre per la consegna dei Diplomi di qualifica del Centro di Formazione Professionale e per la consegna delle Borse di studio al merito agli allievi del Centro di Formazione Professionale e dell’Istituto Tecnico Tecnologico da parte di Aziende ed Enti partner.

“La nostra Regione, a differenza di molte altre regioni italiane – ha aggiunto Donazzan – non ha subito il fenomeno della licealizzazione, dove la maggioranza dei giovani scelgono il liceo e si trovano poi spesso senza lavoro. La maggior parte dei nostri giovani sceglie i percorsi di istruzione tecnica e professionale, grazie anche agli investimenti nell’orientamento. Ad oggi le nostre aziende spesso cercano ma non trovano come ha ricordato il presidente dell’ITS Academy Marco Polo Damaso Zanardo. Ecco che invece la vasta preparazione pratica, che contraddistingue i diplomati specializzati nel settore della cantieristica navale, manutenzione e conduzione di mezzi in acque interne, portualistica integrata e servizi alla nautica da diporto, fornisce in ambito cantieristico marittimo un’adeguata preparazione professionale che consente l’inserimento diretto nelle numerose aziende cantieristiche e nelle darsene presenti nel territorio e che necessitano di tecnici specializzati per il montaggio, la riparazione, la manutenzione delle imbarcazioni da diporto e per la navigazione costiera. Inoltre per chi desidera proseguire ulteriormente gli studi, c’è la possibilità di accedere ad ITS Academy post-diploma e alle facoltà universitarie”.

Infine l’invito: “È un’occasione da promuovere e cogliere in queste settimane decisive, in cui i giovani guardano al proprio futuro e le famiglie accompagnano i figli in una scelta importante, dalle scuole secondarie di primo grado alle scuole secondarie di secondo grado. Questo è un percorso innovativo da valutare, perché ricco di attività laboratoriali e rapporti diretti con le aziende”.

[c.s.] [c.v.]

Ultime notizie

Dello stesso autore