5.8 C
Portogruaro
giovedì , 1 Dicembre 2022

Se fosse stato donna? Al via “Pillole di parità”

05.03.2022 – 15.28 – Cinque immagini iconografiche della storia, una per ogni ambito: arte, politica, scienza, letteratura, sport. Se questi personaggi fossero nati donna, ce li saremmo persi? Da domenica 6 marzo una figura declinata al femminile al mese, per muovere la riflessione, perché la storia, prima o poi,  deve cambiare. L’assessore regionale del Friuli Venezia Giulia alle pari opportunità Alessia Rosolen con l’omologa della regione Veneto Elena Donazzan hanno presentato “Pillole di parità”, la campagna di comunicazione della durata di cinque mesi per  sensibilizzare sul tema della parità di genere. Un “sostegno concreto alle donne in tutti i campi della loro esistenza mettendo in campo strumenti importanti a favore della famiglia, a partire dagli asili nido e dai percorsi di studio per arrivare agli incentivi all’assunzione e al supporto all’imprenditorialità femminile” ha spiegato Rosolen. Per pubblicizzare la campagna in tutto il triveneto una testimonial d’eccezione: Anita Kravos, attrice vincitrice di un Oscar per il film La grande bellezza di Paolo Sorrentino. “Questa azioni sono state e continueranno a essere al centro dell’attività della Giunta regione che punta a migliorare i numerosi strumenti messi a disposizione di chi vive in Friuli Venezia Giulia, al fine di dare risposte concrete alle necessità della nostra comunità” ha concluso.

La campagna è stata presentata dalla Consigliera di Parità della regione Friuli Venezia Giulia Anna Limpido alla presenza, tra gli altri, della presidente della Commissione alle pari opportunità della Regione Dusolina Marcolin, del sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Tiziana Nisini e della consigliera nazionale di parità Francesca Bagni Cipriani.

mb.r

Ultime notizie

Dello stesso autore