35.5 C
Portogruaro
venerdì , 19 Luglio 2024

Donazzan a Let Expo: ITS ‘valorizzano competenze e competitività’

13.03.2024 – 12.20 – L’assessore all’istruzione e al Lavoro, Elena Donazzan, è intervenuta ieri pomeriggi nell’ambito di Let Expo, che sta animando la Fiera di Verona, al workshop ALIS Academy “Formazione e lavoro: l’impegno degli ITS verso il futuro” sostenendo come “Il Sistema degli ITS, Istituti tecnologici superiori, è stato fortemente voluto dalla nostra regione perché in grado di intercettare le migliori aziende e il loro fabbisogno, non solo occupazionale, ma anche in termini di innovazione nella formazione. A partire dai 18 corsi attivati nel biennio 2015/2017, i numeri sono quasi quadruplicati. Nel biennio 2023/2025 siamo riusciti ad attivare 75 corsi, per un impegno economico complessivo, tra risorse nazionali, regionali e FSE, di 66 milioni di euro. I risultati raggiunti ci confortano nel continuare a credere che nel dialogo continuo tra le migliori aziende dei settori strategici ci sia anche la capacità di attrarre nuovi investitori, nuovo capitale umano e rafforzare la permanenza dei nostri ragazzi dentro al sistema produttivo“.

Nella Regione Veneto le Fondazioni ITS sono otto: tre dell’area tecnologica Nuove tecnologie del Made in Italy, una dell’area Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo, una dell’area Efficienza energetica (Bioedilizia), una dell’area ICT (Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione), due dell’area Mobilità sostenibile (Logistica e Logistica nel sistema portuale). A queste scuole ad alta specializzazione tecnologica si accede dopo il diploma di scuola secondaria superiore. Gli ITS prevedono corsi per un totale di 1800/2000 ore, comprensive di attività teorica, pratica e di laboratorio. Gli stage sono obbligatori per almeno il 30% della durata del monte ore complessivo, anche con un contratto di apprendistato di alta formazione, mentre i docenti provengono per almeno il 50% dal mondo del lavoro.

L’assessore Donazzan ha poi continuato: “Nati come scuole ad alta specializzazione tecnologica, gli ITS rappresentano una delle politiche di punta dell’offerta formativa regionale perché soddisfano due obiettivi strutturali: lo sviluppo delle competenze dei giovani e il sostegno alla competitività delle imprese. La logistica – ha infine concluso l’assessore – è un settore strategico per l’Italia e per il Veneto, non a caso la fiera Let Expo, in questi tre anni, è cresciuta in modo considerevole. Legate a questo ambito abbiamo due fondazioni, la prima con sede a Verona, la Ast, che si occupa di intermodalità e insiste sugli assi dei grandi corridoi europei, a contatto con la grande distribuzione e una managerialità nell’ambito del settore della logistica; l’altra Its Marco Polo, che sfrutta la storia, l’identità della città di Venezia nell’area portuale e aeroportuale per la formazione di percorsi legati al trasporto su ferro. Continuiamo però a fare innovazione. Abbiamo infatti l’unico percorso della logistica nel campo dell’arte, ovvero della costruzione della mostra dei trasporti delle opere preziose che hanno bisogno di competenze specifiche”.
[o.m][c.s]

Ultime notizie

Dello stesso autore